Palio dello Stufato a San Giovanni

La nona edizione del Palio dello Stufato alla Sangiovannese sta per aprirsi, e quest’anno la rivalità tra i concorrenti per il titolo di miglior ricetta avrà un sapore campanilistico. Domenica 18 febbraio nei Saloni della Basilica si sfideranno i sette quartieri di San Giovanni Valdarno : Bani, Calambrone, Centro Storico, Fornaci, Gruccia, Oltrarno, e Ponte alle Forche/Porcellino.

Silvio Del Riccio, Presidente dell’Associazione Pro Loco “Roberto Costagli”, come negli anni precedenti ha organizzato la manifestazione culinaria, insieme all’Amministrazione Comunale.

 

“Siamo contenti che anche quest’anno il Palio dello Stufato abbia riscosso il conclamato successo delle scorse edizioni, e come sempre non sono solo i sangiovannesi a partecipare ma anche altri valdarnesi e stranieri. Quest’anno abbiamo addirittura un’intera gita che ha organizzato l’itinerario sangiovannese proprio per poter prender prendere parte al Palio!”

La sfida culinaria a base di spezie è soltanto uno degli eventi che la Pro Loco di San Giovanni Valdarno contribuisce a rendere speciale, facendo riscoprire le tradizioni della città; l’ultimo in ordine cronologico è stato il Carnevale, che ha visto grande partecipazione e un’ottima riuscita sui social. E’ infatti possibile seguire gli eventi e le manifestazioni svolte a San Giovanni direttamente sugli account della Pro Loco SGV (Facebook, Instagram e Twitter).

Gli stufatari saranno affiancati dagli studenti dell’Istituto “Vasari” di Figline e Incisa Valdarno, e quest’anno la grande novità sarà l’iniziativa “San Giovanni e i suoi tesori”; una sorta di percorso storico e culturale della città svolto dagli studenti dell’ISIS Valdarno sezione turismo.

Al momento dell’assaggio, e quindi della votazione da parte di entrambe le giurie (tecnica e popolare), non saremo a conoscenza degli abbinamenti con i quartieri.

Non sappiamo chi cucinerà il migliore Stufato alla Sangiovannese, ma non vediamo l’ora di assaggiare tutte e sette le versioni del piatto che più rappresenta la città natale di Masaccio.

Diletta Paoli



Questo sito utilizza cookie tecnici e di profilazione propri e di terze parti per le sue funzionalità e per inviarti pubblicità e servizi in linea con le tue preferenze. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all’uso dei cookie. Accetto more information

Questo sito utilizza i cookie per fornire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o cliccando su "Accetta" permetti il loro utilizzo.

Chiudi